Indice del forum

L'arrivo all'immortalità degli esseri viventi ...

Forum con tutte le soluzioni "reali" ricercate sulla: salute, benessere, filosofia, amore, Astronomia, occulto, magie, miracoli, Religioni, arte, scoperte, cucina; informatica, lavoro, scuola, giochi, TV, sport, motori, musica, umorismo, annunci, lotterie

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum


Artride reumatoide, sclerosi multipla, Olio colza (Lorenzo):
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Salute, medicina, cure, guarigioni, SALVEZZA ed altro generico star bene
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
zmassimo

Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 51
Registrato: 16/01/04 09:25
Messaggi: 2207
zmassimo is offline 

Località: SAVONA
Interessi: Evidenziare nelle ricerche scientifiche, a medici e pubblico la formula che mantiene la buona salute nel tempo
Impiego: Commerciante, in attesa di occuparmi delle mie scoperte universali sulla salute e benessere
Sito web: http://www.apparenzebi...


NULL
MessaggioInviato: Mar Ago 02, 2005 12:04 am    Oggetto:  Artride reumatoide, sclerosi multipla, Olio colza (Lorenzo):
Descrizione:
Rispondi citando

L'Olio di Lorenzo, nasce dall'Olio di Colza :

Non dimenticatevi che è proprio dall'Olio d Colza che un padre scoprì la medicina che salvò il suo figlioletto Lorenzo (L'Olio di Lorenzo).
Una miscela di acido oleico e di acido erucico, ricavati da comuni oli di cucina. Un trigliceride. La si prova su Lorenzo. Funziona. La presenza di grassi nel sangue del bambino, il cui sistema nervoso è però già danneggiato, si riduce notevolmente.
Nel 1989, grazie alla passione e agli sforzi di Augusto Odone, nasce il «progetto Mielina», un programma di ricerca tuttora in corso.

Cos'è L'Olio di Lorenzo?
L'Olio di Lorenzo è una combinazione di due grassi estratti dall' olio di oliva e dall' olio di colza.

L'Olio di Lorenzo può aiutare il trattamento di altre malattie oltre l'ALD (adrenoleucodistrofia)?
L'Olio di Lorenzo è specifico per l'ALD, non ripara la mielina e non ha effetto conosciuto su altre malattie demielinizzanti. Nella forma iniziale di ALD l'Olio di Lorenzo spesso (ma non sempre) previene il manifestarsi della malattia fermando la produzione nell'organismo degli acidi grassi a lunga catena, che causano la demielinizzazione.

Come si può avere l'Olio di Lorenzo? Quanto costa?
Negli Stati Uniti l'Olio può essere ordinato attraverso la prescrizione ad un unico dottore, il Dr. Gerald Raymond, Acting Director di Neurogenetica del Kennedy Krieger Institute. Egli può essere contattato al (800) 873-337.

ALTRE INFORMAZIONI E ARTICOLI, SI TROVANO IN:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!



Ecco tutto quello che si deve fare :

_________________
LE PRIME MANSIONI CHE MANTENGONO LA BUONA SALUTE E BENESSERE NEL TEMPO.
(Quello che non si volle mai fare: seguire e controllare i corpi) …


LA FORMULA UNICA SINTETIZZATA: che scientificamente non fa più affaticare, invecchiare, ammalare, impazzire, incattivire ed inquinare sempre più (di conseguenze a catena, con catastrofi e similari): col rendere per forza anche i cibi avariati che non possono che aumentare i peggiori teppismi, le gravi gelosie, le vendette, il femminicidio, i kamikaze e l'altro attuale di inevitabilmente sempre più grave; facendo proprio come il già possibile FARSI EVIRARE, per non fare più venire le voglie "irregolari" e quindi il poter tranquillamente uscire di prigione.
...Aiutando nelle prevenzioni, cure, guarigioni e proprio fino al NON AMMAZZARE I CORPI PRIMA O POI a seconda delle loro debolezze genetiche al concepimento "altrettanto misteriose".
- Dalla Spazzatura Spaziale "misteriosa" si deve sapere quindi che si sporca anche dentro i corpi (come gli altri impianti).
La circoncisione riduce del 70% le anche gravi malattie anche perché vengono rimosse varie protuberanze uretrali che non servono proprio a nulla di utile "accertato anche dagli urologi" ma si riempono inevitabilmente sempre più di residui di acido urico ed altre relative scorie che si ci stagnano nei loro solchi, fermentandosi, bruciandoci e pietrificandosi; intralciando e facendo sempre più perdere l'importantissima circolazione (chiamiamola "circolazione naturale dell'urina" ma che solo alla fine scarica urina); ovvero la sola e unica causa di proprio tutti di tutti i mali ...
Anche con questa prova almeno periodicamente, occorrerebbe: allenare gli organi sessuali come previsto e ammorbidirli e pulirli dal cominciare al spalmare su essi i già esistenti prodotti anti secchezze; ad esempio (come l'ottimo prodotto "Chilly idratante neutro extra emolliente pH5 clinicamente testato").
- Nell'inserire durante il bagno i relativi amidi e sali e, a seconda delle sue minori o maggiori difficoltà raggiunte via via: immergere questi organi in un bicchiere o tazzina di plastica, strofinando dall'inguine all'intero glande o clitoride, dintorni e circuito urinario sino all'esterno dell'ano; con acqua e bicarbonato, o in circa un centimetro di acido borico, o di aceto, o di collutori anti placche (ad esempio quelli per denti), o con glicerine, qualsiasi saponi, solventi, acidi, olii e simili contenenti agenti sgrassanti, antincrostanti e disincrostanti che assorbono e distruggono completamente quei residui "non facendo male alla pelle" (prelevandoli ad esempio dai detersivi per stoviglie, dagli anticalcari per lavatrici e pulizie WC).
Proprio come si fa per lavare il bucato".
E periodicamente si dovrebbe anche spalmare su questi quindi, anche le relative pomate come l'itiolo e a volte quelle per ustioni: per lenire e scrostare tutto quel bruciato interno, "formando magari un solo prodotto che contiene i tali più prodotti in uno; "da inventare di preciso dagli appositi scienziati".
...Oltre all'inserire in questi gli appositi cosmetici, lo stesso acido borico e all'assumere i relativi integratori ricchi di aminoacidi come l'arginina e simili; per migliorare "veramente" le prestazioni delle vie urinarie, della prostata, quindi l'erezione e le altre attività sessuali (evitando proprio sino al via-gra e simili).
Se tutto il ciò non bastasse, si dovrebbe allenare, dilatare e pulire periodicamente l'uretra "che non è diritto" con le apposite sonde uretrali per rimuovere tutta la "come una guarnizione di rumenta" che si forma dall'intorno al suo canale in poi.
E all'occorrenza infine, si dovrebbe farsi effettuare un inevitabile semplice intervento chirurgico di rimozione totale di quelle inutili protuberanze uretrali: per mantenere "veramente" la buona salute nel tempo fisica, morale ed occulta; (proprio fino all'immortalità che si contiene, attualmente vissuta quotidianamente nei propri sogni) ...


* Gli altri dettagli sulla Formula Provata, Accertata e Depositata alla SIAE, al MINISTERO DELLA SALUTE e all'UFFICIO BREVETTI di Roma
Si trovano in:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
e
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Zappa Massimo.
E-MAIL:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

CELL: 3498801301

Nikname: zmassimo
INSTAGRAM, TWITTER:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
@zmassimo10).
FACEBOOK, SKYPE:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


- Translation:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Ultima modifica di zmassimo il Sab Gen 03, 2009 10:49 pm, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
Adv



MessaggioInviato: Mar Ago 02, 2005 12:04 am    Oggetto: Adv






Torna in cima
MacGuybrush

Ospite















MessaggioInviato: Mer Dic 31, 2008 4:55 pm    Oggetto:  L'Olio di Colza :
Descrizione:
Rispondi citando

Dopo che alcuni telegiornali hanno pubblicizzato l’utilizzo di oli di semi come combustibile si sono moltiplicati gli interrogativi. È legale? Danneggerà il motore? Inciderà sulle prestazioni? Regna ancora molta confusione. Le “ricette” facilmente reperibili su internet vanno valutate con molta cautela

Recenti servizi televisivi sui telegiornali Rai hanno mostrato chiaramente come l’olio di colza sia un carburante utilizzabile per la nostra auto a gasolio.
Il filmato del TG3 si conclude citando un secondo dato: a Trento sono aumentate spropositatamente le le vendite dell'olio di colza.
Non ci stupisce affatto se consideriamo che olio di semi è acquistabile in qualsiasi supermarket per 0,60-0,65 centesimi di euro al litro, contro 1,030 euro del gasolio tradizionale alla pompa.

L’olio di colza non è il biodiesel
L’olio di colza, ottenuto per estrazione chimica dai semi, non è il biodiesel.
Infatti è chimicamente diverso e la sua viscosità è decisamente superiore a quella del tradizionale gasolio ottenuto dal petrolio.
Per essere liberamente venduto il biodiesel deve rispettare due norme ISO: UNI 10946 ed UNI 10947.
Come si produce quindi carburante dall’olio di semi?
Per produrre biodiesel, ovvero un combustibile utilizzabile da qualsiasi auto a gasolio, dopo l’estrazione dell’olio dai semi occorre un ulteriore passaggio, una reazione detta transesterificazion e che determina la sostituzione dei componenti alcolici d’origine (glicerolo) con alcool metilico (metanolo).

Olio + metanolo + catalizzatore = biodiesel + glicerina
La reazione di transesterificazion e, quindi, prevede la generazione di glicerina quale sottoprodotto dall’elevato valore aggiunto, ne sono noti oltre 800 diversi utilizzi.

I vantaggi ambientali
Il bio-carburante ecologico si presenta come soluzione ottimale per risolvere le problematiche relative all'impatto ambientale. Da studi preliminari è risultato che i motori Diesel alimentati con questo combustibile producono un livello più basso di emissioni rispetto a quando alimentati con gasolio convenzionale.
Infatti il carbonio bruciato deriva direttamente dall'anidride carbonica presente in atmosfera che le piante hanno trasformato per mezzo del processo di fotosintesi, quindi la combustione di questo riproduce esattamente la stessa quantità di anidride carbonica sottratta limitando fortemente il problema dei gas di serra.
Inoltre il biodiesel non contiene componenti aromatici, né zolfo.
Le emissioni di particolato risultano essere complessivamente il 32% di quelle del gasolio. Il monossido di carbonio CO è il 35% rispetto al gasolio.
Un altro pregio da non sottovalutare di questo combustibile è la sua scarsa tendenza all'autoincendio che riduce i problemi durante le fasi di trasporto e stoccaggio.
L'ecodiesel possiede inoltre un'elevata biodegradabilità data la sua origine vegetale.

Uso dell’olio di colza nel motore
Molti siti internet, basta una semplice ricerca su google, riportano che se si prende olio vegetale e lo si mette nel serbatoio di un'auto diesel, la macchina nella maggior parte dei casi cammina senza problemi. Però qualche avvertenza va data. In generale riguardo all'uso i olii di semi come carburante, si può dire che:
Alcuni olii vegetali sono meglio di altri.
Alcuni motori diesel sono più adatti di altri.
Alcune pompe di iniezione funzionano meglio di altre, molti consigliano Bosch.
Alcune centraline elettroniche di iniezione non funzionano usando olio di semi puro.
Ci sono dubbi sull'uso di olii vegetali in motori diesel ad iniezione diretta (DI).
Il problema maggiore riguardo all'uso di olio vegetale è che questo è molto più viscoso del convenzionale gasolio. Va quindi riscaldato per essere reso meno viscoso, così da essere delle stesse dimensioni molecolari del gasolio ordinario, prima di essere nebulizzato dagli iniettori. Se non viene propriamente nebulizzato, può non bruciare in modo adeguato, formando depositi negli iniettori e nella testa del cilindro e portando quindi a minore performance del motore, maggiori emissioni e riduzione della vita del motore.
In particolare, durante la stagione fredda, la componente grassa dell'olio vegetale, solidificandosi a causa del freddo, può intasare il sistema di alimentazione del combustibile.
C'è poi da dire che non tutti gli olii vegetali sono adatti per essere usati come carburanti. In particolare non sono adatti quelli con alto valore di iodio, come per esempio l'olio di semi di lino.

Non mancano i test
A parte i molti forum aperti sull’argomento, ci si può anche imbattere in curiose esperienze, come quelle che qui riportiamo.

Diecimila chilometri percorsi senza problemi con una miscela di olio di colza e gasolio. Alla ricerca di una alternativa al vero motivo della guerra in Iraq: il petrolio.
Fausto Nicolussi, operaio, da quasi un anno sta facendo da “cavia” per un esperimento voluto da Cortili di Pace insieme alla Associazione per l´ecologia (Ape). Tra i fondatori dell´associazione pacifista (e non solo) perginese, Nicolussi ha discusso a lungo con altri soci, prima di incamminarsi sulla strada delle alternative al benzinaio delle multinazionali.
”Volevamo proporre qualcosa di pratico, facilmente attuabile, ma allo stesso tempo pieno di significato etico, prima che ecologico”. Nicolussi ha una Citroen Berlingo, motore diesel aspirato, catalizzata, anno 1998. “Da quando uso la miscela 30% olio di colza e 70% gasolio classico, non mi sono accorto di nessun cambiamento nelle prestazioni o nel consumo. L´auto viene sottoposta periodicamente a controlli da un meccanico di fiducia che, fin ad oggi, non ha riscontrato nessun tipo di problema. Allo stesso tempo nel test dell´opacità, non in test scientifici rigorosi, i fumi che escono dalla marmitta della Berlingo sono inferiori paragonati a quelli di un normale diesel”.
In teoria sarebbe possibile far camminare un diesel solo con l´olio di colza (ma anche di soia o girasole), con le dovute modifiche al motore.
Ma dove lo prende Nicolussi l´olio di colza? “Ho acquistato un certo quantitativo di miscela da un distributore vicino Verona, carburante che uso anche per il riscaldamento domestico. Ho chiesto innanzitutto rassicurazioni sui rischi dell´uso di questo carburante. Non esiste però una certificazione che attesti la compatibilità assoluta con qualsiasi motore e le case automobilistiche in Italia sono molto indietro in questo campo. In Francia e Germania le cose sono diverse e l´olio di colza è molto più diffuso”.
I costi? “Il prezzo è attualmente identico a quello del gasolio alla pompa: poi verrà a costare qualcosa in più. Ma l´importante è che può costituire un´alterativa concreta, da subito, per tutti quelli che possiedono un auto con motore diesel”.
Lunedì 19 aprile alle 20.30 presso la sala dell´Amnu in viale dell´industria si terrà una conferenza su tutta l´esperienza dove interverranno dei tecnici di una ditta produttrice di biodiesel.
”Abbiamo invitato tutti i sindaci della zona oltre ad alcuni consiglieri provinciali e dei tecnici comunali - racconta Flora Silvestri dell´Ape, tra i promotori dell´iniziativa - Nicolussi sta dimostrando che il biodiesel è una alternativa praticabile ed esistono studi scientifici a conferma del calo delle polveri sottili nelle emissioni dei motori alimentati con questa miscela, compresi i bistrattati vecchi diesel. Si parla del 30% in meno: proprio per questo abbiamo invitato amministratori e tecnici comunali per valutare l´ipotesi di adottare il biodiesel almeno per il parco macchine pubbliche o per il riscaldamento”.
Restano da sciogliere però alcuni nodi secondo lo stesso Nicolussi: “Vogliamo essere sicuri che l´olio di colza non sia prodotto da Ogm (organismi geneticamente modificati ndr). Sarebbe controproducente raggiungere un obiettivo con uno strumento sbagliato”, conclude l´operaio di Cortili di Pace. In ogni caso la serata servirà anche per verificare la disponibilità di privati cittadini a creare un gruppo di consumo per l´utilizzo del bio-carburante.

Mio zio fa andare la sua opel diesel con una miscela 50%gasolio/50%olio vegetale del supermercato da 8 anni e non ha nessun tipo di problema.

Io ho provato l'uso di olio di semi vari, perchè contiene colza che è il migliore come combustibile, fino all'ottanta percento su motore common rail Fiat, finora per 110.000km.
La fumosità allo scarico è nulla e le prestazioni generali leggermente superiori al gasolio.
Tra l'altro con l'uso di solo gasolio, la macchina fuma un pò in ripresa. Il perchè vengano messe in giro voci che scoraggiano l'uso di olio vegetale tal quale o esterificato è chiaro.

Evasione fiscale
Utilizzare olio di semi come carburante oggi in Italia è illegale.
Infatti sul carburante gravano tasse ed accise che verrebbero evase nel caso si utilizzasse olio di semi puro come combustibile per il proprio veicolo.

Il biodiesel invece è assolutamente legale se acquistato presso gli impianti che, anno dopo anno, vengono autorizzati dal governo a produrne una certa quantità defiscalizzata (circa 300.000 tonnellate nel 2004).

[fonte
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
]
Torna in cima
Pino

Ospite















MessaggioInviato: Mer Dic 31, 2008 4:58 pm    Oggetto:  Costerebbe più del gasolio, se non fosse per il fisco !!
Descrizione:
Rispondi citando

E' inquietante il definire illegale l'utilizzo dell'olio come carburante...
illegale fiscalmente, certo.. però.. ma... boh.. forse.. insomma...chissà...
Sotto il profilo strettamente legale, anche la presa della Bastiglia temo che presentasse alcune pecche .....

L'Olio di Colza è un carburante come un altro. Il fatto è che sarebbe anche più caro del gasolio, quanto a costo di produzione, se non fosse per il fisco...
Il gasolio non costa molto come "costo di produzione": il prezzo però è elevatissimo per via delle tasse che impongono su quel "costo";
l'olio di colza costa quel che costa, senza tasse.
Però esistono normative specifiche che impongono il pagamento di quelle tasse sui materiali utilizzati come propellente per autoveicoli: e qui si chiama evasione fiscale.
L'olio di semi è acquistabile in qualsiasi supermarket per 0,60-0,65 centesimi di euro al litro, contro 1,030 euro del gasolio tradizionale alla pompa.”

“I costi? “Il prezzo è attualmente identico a quello del gasolio alla pompa: poi verrà a costare qualcosa in più. Ma l´importante è che può costituire un´alterativa concreta, da subito, per tutti quelli che possiedono un auto con motore diesel””.

In ogni caso il costo del gasolio alla pompa è dovuto in gran parte al carico fiscale (in Italia, almeno: in America i carburanti costano molto meno perché non hanno la stessa “zavorra” fiscale). Senza il quale il gasolio costerebbe, penso, sicuramente meno dell’olio di semi. A maggior ragione se il prezzo finale del gasolio, nonostante il fisco, è pressoché comparabile con quello dell’olio di semi, non altrettanto penalizzato dal fisco.
Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Salute, medicina, cure, guarigioni, SALVEZZA ed altro generico star bene Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum




contatore di visite gratis
Besucherzähler
contatore di visite gratis



L'arrivo all'immortalità degli esseri viventi ... topic RSS feed 
Powered by