Indice del forum

L'arrivo all'immortalità degli esseri viventi ...

Forum con tutte le soluzioni "reali" ricercate sulla: salute, benessere, filosofia, amore, Astronomia, occulto, magie, miracoli, Religioni, arte, scoperte, cucina; informatica, lavoro, scuola, giochi, TV, sport, motori, musica, umorismo, annunci, lotterie

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum


Visite cardiologiche. La salute dei seni e mammelle :
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Salute, medicina, cure, guarigioni, SALVEZZA ed altro generico star bene
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Ramona

Ospite















MessaggioInviato: Mer Ago 30, 2006 11:32 am    Oggetto:  Visite cardiologiche. La salute dei seni e mammelle :
Descrizione:
Rispondi citando

Ciao ragazze, volevo chiedervi se a voi il dottore vi chiede di togliere il reggiseno quando vi sente il cuore. E' venuto a visitarmi a casa il nuovo medico di base perché avevo l'influenza e dopo avermi fatto togliere la maglia mi ha prima sentito le spalle e poi, dopo avermi fatta stendere, mi ha fatto aprire il reggiseno sul davanti e mi ha separato i lembi per auscultarmi il petto. Mi sono vergognata da morire con i seni completamente scoperti.

Non mi pare necessario togliere il reggiseno per auscultare il cuore.
Lo stetoscopio non è uno strumento invasivo...


Un incubo. A un certo punto non sentivo più neanche la voce del dottore che mi diceva di respirare. Vedevo soltanto le mie tette che andavano su e giu.
Torna in cima
Adv



MessaggioInviato: Mer Ago 30, 2006 11:32 am    Oggetto: Adv






Torna in cima
zmassimo

Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 51
Registrato: 16/01/04 09:25
Messaggi: 2207
zmassimo is offline 

Località: SAVONA
Interessi: Evidenziare nelle ricerche scientifiche, a medici e pubblico la formula che mantiene la buona salute nel tempo
Impiego: Commerciante, in attesa di occuparmi delle mie scoperte universali sulla salute e benessere
Sito web: http://www.apparenzebi...


NULL
MessaggioInviato: Mer Ott 25, 2006 9:54 pm    Oggetto:  RISPOSTA DI SADAKO - forum di canaglia.it -
Descrizione:
Rispondi citando

In ospedale, quando un medico deve auscultare una donna, una delle cose che si fanno togliere dal torace è il reggiseno.
A parte il cuore, i polmoni, sia davanti che dietro, si sentono meglio senza l'elastico del reggiseno in mezzo.

Se poi il comportamento del medico ti è sembrato poco professionale, è un altro discorso. Ma se il dubbio era solo per la richiesta di rimozione del reggiseno... è normale.

... Se deve auscultare il cuore, il reggiseno puoi anche lasciarlo in sede.
Se deve auscultare i polmoni (influenza = problemi respiratori = rischio di bronchite/polmonite) allora è meglio liberare la zona e permettere una auscultazione più accurata.
Se poi il medico è nuovo (quindi non ti conosce da tempo) è giusto e corretto che faccia una visita seria... il più delle volte non ti guardano neppure.
// mode professionale off //

La cosa più importante resta sempre la sensazione data.
Se il fastidio è stato solo dato dall'imbarazzo, allora si può sopravvivere.
Se invece la cosa è stata causata da un approccio poco professionale, allora cambia tutto.

Una bella fischiata dentro il fonendo e non ci riprova più...


Ultima modifica di zmassimo il Mer Ott 25, 2006 10:08 pm, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
zmassimo

Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 51
Registrato: 16/01/04 09:25
Messaggi: 2207
zmassimo is offline 

Località: SAVONA
Interessi: Evidenziare nelle ricerche scientifiche, a medici e pubblico la formula che mantiene la buona salute nel tempo
Impiego: Commerciante, in attesa di occuparmi delle mie scoperte universali sulla salute e benessere
Sito web: http://www.apparenzebi...


NULL
MessaggioInviato: Mer Ott 25, 2006 10:03 pm    Oggetto:  RISPOSTA DI Ile - forum di canaglia.it -
Descrizione:
Rispondi citando

Anche a me l'hanno fatto togliere, ma quando ho fatto l'elettrocardiogramma....e quando sono andata dal senologo....
E' vero l'elastico del reggiseno ostruisce il controllo in maniera meticolosa dei polmoni...certo...non capisco molto il fatto che per visitarti il cuore abbia dovuto farti ballare le tette....mah.....sganciarlo di dietro va bene...ma toglierlo completamente mi sembra una cosa alquanto anomala....
Non era un senologo....quindi....?????

Ah..di medici poco professionali ce n'è a iosa...te lo posso assicurare....
Circa due anni fa sono andata alla guardia medica perchè ahimè ho avuto un piccolo incidente ballando il latino americano....strappo muscolare al di sotto del seno...il medico...marpione...ha cominciato a fare apprezzamenti sul mio fisico....e poi ha iniziato pure a palpare....gli stavo dando un pugno in faccia....che vergogna...
ergo...la tua perplessità riguardo questo medico è del tutto compresibile....credimi....

La mia dottoressa non me lo ha mai fatto togliere, da quel che mi ricordi....tranne che per qualche controllo al tessuto mammario....
Questa è la mia personale esperienza....
Anche mia madre....ha confermato quanto ho scritto pocanzi....

Stai comunque attenta...soprattutto se sei sola in casa...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
zmassimo

Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 51
Registrato: 16/01/04 09:25
Messaggi: 2207
zmassimo is offline 

Località: SAVONA
Interessi: Evidenziare nelle ricerche scientifiche, a medici e pubblico la formula che mantiene la buona salute nel tempo
Impiego: Commerciante, in attesa di occuparmi delle mie scoperte universali sulla salute e benessere
Sito web: http://www.apparenzebi...


NULL
MessaggioInviato: Mer Ott 25, 2006 10:15 pm    Oggetto:  RISPOSTA DI CLEMENTE - forum di canaglia.it -
Descrizione:
Rispondi citando

Come la mettiamo con il medico sostituto (donna ... e che donna) che per una presuna labirintite .... mi ha fatto spogliare completamente nudo?????
Ehehehehehe ... pensate sempre male dei maschietti e le donne???
Mahhhhh .. che medici sporcaccioni.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
zmassimo

Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 51
Registrato: 16/01/04 09:25
Messaggi: 2207
zmassimo is offline 

Località: SAVONA
Interessi: Evidenziare nelle ricerche scientifiche, a medici e pubblico la formula che mantiene la buona salute nel tempo
Impiego: Commerciante, in attesa di occuparmi delle mie scoperte universali sulla salute e benessere
Sito web: http://www.apparenzebi...


NULL
MessaggioInviato: Mer Ott 25, 2006 10:19 pm    Oggetto:  RISPOSTA DI Graziella - forum di canaglia.it -
Descrizione:
Rispondi citando

...comunque, io mai tolto il reggiseno per quel tipo di visita.... non mi sembra assolutamente necessario.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
zmassimo

Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 51
Registrato: 16/01/04 09:25
Messaggi: 2207
zmassimo is offline 

Località: SAVONA
Interessi: Evidenziare nelle ricerche scientifiche, a medici e pubblico la formula che mantiene la buona salute nel tempo
Impiego: Commerciante, in attesa di occuparmi delle mie scoperte universali sulla salute e benessere
Sito web: http://www.apparenzebi...


NULL
MessaggioInviato: Mer Ott 25, 2006 10:22 pm    Oggetto:  RISPOSTA DI Urka - forum di canaglia.it -
Descrizione:
Rispondi citando

Sai che quando mi applicano gli elettrodi sul torace il mio cuore va a mille per l'emozione e un medico ha addirittura pensato che avessi un soffio mitralico e mi ha spedito a fare l'ecocardiogramma, ma è solo emozione.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
zmassimo

Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 51
Registrato: 16/01/04 09:25
Messaggi: 2207
zmassimo is offline 

Località: SAVONA
Interessi: Evidenziare nelle ricerche scientifiche, a medici e pubblico la formula che mantiene la buona salute nel tempo
Impiego: Commerciante, in attesa di occuparmi delle mie scoperte universali sulla salute e benessere
Sito web: http://www.apparenzebi...


NULL
MessaggioInviato: Mer Ott 25, 2006 10:26 pm    Oggetto:  RISPOSTA DI Manolito - forum di canaglia.it -
Descrizione:
Rispondi citando

Figuratevi che la mia ragazza quando fa l'elettrocardiogramma si emoziona e i battiti vanno su, quando le mettono le ventose sotto il seno sinistro e una volta si è tanto alterato il battito che l'hanno spedita a fare l'ecocardiogramma. E' una questione di sensibilità, magari viene sfiorato il capezzolo.....
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
zmassimo

Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 51
Registrato: 16/01/04 09:25
Messaggi: 2207
zmassimo is offline 

Località: SAVONA
Interessi: Evidenziare nelle ricerche scientifiche, a medici e pubblico la formula che mantiene la buona salute nel tempo
Impiego: Commerciante, in attesa di occuparmi delle mie scoperte universali sulla salute e benessere
Sito web: http://www.apparenzebi...


NULL
MessaggioInviato: Mer Ott 25, 2006 10:39 pm    Oggetto:  RISPOSTA DI Antonio e Manolito - forum di canaglia.it -
Descrizione:
Rispondi citando

Si sa .. che voi fà???
Le ragazze si emozionano facilmente.

E i maschietti alla visita andrlogica e all'ecografia al pene?

Sentirsi ravanare tra le proprie frattaglie non è il massimo per nessuno ...
Ma io ho medici in famiglia e le visite cardiologiche vanno fatte a torace nudo, anche quelle da sforzo, fosse anche per vedere la tonicità della mammella, soggetta a cancri, malformazioni, etc...
Se sono difformi o cistiche o l'areola non è omogenea, c'è da pensare!

...meglio vederle ballare prima che piangere poi!


In Francia ci sono le visite scolastiche e secondo me le dovrebbero effettuare anche in Italia, almeno fino al termine delle superiori, così si preverrebbero diverse malattie e disfunzioni (senza temere per le donzelle di presentarsi a torace nudo all'auscultazione del cuore e magari alla palpazione del torace)!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
zmassimo

Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 51
Registrato: 16/01/04 09:25
Messaggi: 2207
zmassimo is offline 

Località: SAVONA
Interessi: Evidenziare nelle ricerche scientifiche, a medici e pubblico la formula che mantiene la buona salute nel tempo
Impiego: Commerciante, in attesa di occuparmi delle mie scoperte universali sulla salute e benessere
Sito web: http://www.apparenzebi...


NULL
MessaggioInviato: Mer Ott 25, 2006 11:13 pm    Oggetto:  La salute del seno e delle mammelle :
Descrizione:
Rispondi citando

La salute del seno
A cura de Il Pensiero Scientifico Editore
Ultimo aggiornamento: 20/10/2006 17.19.31



Come si sviluppa il seno e qual è la sua funzione?
Quali sono gli ormoni che lo influenzano?
È vero che ci sono donne più a rischio di tumore al seno?
Che cosa significa avere un nodulo mammario?
Quanti e quali tipi di noduli esistono?
Cos'è il fibroadenoma?
Cos'è la mastopatia fibrocistica?
Cos’è la mastalgia?

Come si sviluppa il seno e qual è la sua funzione?

Il seno, organo sessuale secondario femminile la cui funzione è quella di produrre il latte nel periodo successivo al parto, nella quotidianità è diventato il simbolo stesso della femminilità. Il suo sbocciare segnala il passaggio dall'infanzia alla pubertà e la sua crescita è il segno più precoce della gravidanza. L'evoluzione del seno segue quindi, per molti aspetti, l'evoluzione della donna.

Questa evoluzione inizia subito dopo il concepimento, ma bisognerà attendere l'inizio della pubertà perché si avviino le modificazioni sessuali proprie del seno femminile. La ghiandola mammaria femminile esprime infatti la sua massima attività di crescita durante la pubertà e raggiunge la sua completa maturazione nell'età adulta, dopo la gravidanza e l'allattamento.

La potenzialità di crescita della mammella si mantiene per tutta la vita riproduttiva della donna sotto lo stimolo degli ormoni sessuali, di cui è organo bersaglio. Dopo la menopausa, con il venire meno della ciclica funzione ovarica, prevalgono nella mammella i fenomeni di regressione senile.

Quali sono gli ormoni che lo influenzano?

Gli ormoni più importanti che agiscono sulla mammella sono gli ormoni sessuali femminili prodotti dall'ovaio, gli estrogeni e il progesterone:
L'estradiolo, prototipo degli estrogeni, induce la crescita dei dotti mammari e delle cellule epiteliali che li rivestono internamente, stimolando la formazione dei nuovi vasi sanguigni e la permeabilità del tessuto che li circonda. L'azione degli estrogeni spiega l'aumento di volume del seno durante il ciclo mestruale e la possibile comparsa di dolore mammario nelle donne in cui la stimolazione degli estrogeni è eccessiva.
Il progesterone è prodotto dall'ovaio dopo l'ovulazione e la sua più importante azione sulla mammella è quella di promuovere la crescita e la differenziazione degli acini (le strutture in cui si produce il latte) e di prepararli alla funzione secretoria, cioè di produzione del latte.
Anche se gli ormoni sessuali, e soprattutto gli estrogeni, sono considerati i più importanti promotori della crescita del seno, il controllo globale di tale funzione è mediato dagli ormoni di una ghiandola situata nel cervello, l'ipofisi (in particolare un ormone chiamato prolattina).

È vero che ci sono donne più a rischio di tumore al seno?

Sono stati condotti numerosi studi per stabilire se nella popolazione femminile esistono delle classi o delle situazioni che presentano un più alto rischio di malattia. Il risultato di questi studi è stato l'identificazione di una serie di indicatori che esprimono una probabilità variabile tra le donne sane di ammalarsi di tumore del seno. A questa probabilità è stato possibile assegnare anche un valore numerico; esiste quindi una sorta di classifica di questi indicatori di rischio:

L’età, che occupa la posizione più alta della classifica. È infatti documentato che il rischio di ammalarsi di tumore al seno aumenta con l'età.
L'aver sofferto di un precedente tumore mammario, anche se clinicamente guarito, esprime un alto rischio di sviluppare un nuovo tumore del seno. In quest'ambito va stabilita una differenza tra ricaduta della malattia e nuova malattia.
Avere nella propria famiglia parenti di primo grado che hanno sofferto di tumore mammario prima della menopausa.
Nel caso di donne già sottoposte a biopsia del seno, la diagnosi di iperplasia epiteliale atipica o carcinoma in situ rappresenta un indicatore di aumentato rischio.
L'aver eseguito ripetute radiografie del torace, come avviene per le persone affette da malattie polmonari (per esempio tubercolosi).
Un precedente tumore ovarico.
Un aumento molto modesto di rischio è stato riscontrato nei seguenti casi:
menarca precoce (prima dei 13 anni);
menopausa tardiva (oltre i 55 anni);
assenza di gravidanze;
gravidanza tardiva (oltre i 30 anni);
obesità in post-menopausa.
Che cosa significa avere un nodulo mammario?

Nella pratica quotidiana della senologia "nodulo mammario" è un'espressione assai frequente. Nella realtà, però, da sola non ha alcun significato finché non viene aggiunto un aggettivo (benigno, maligno, dubbio, dolente) che spieghi il motivo per cui esso è diventato oggetto di attenzione.

Infatti tutta la mammella (e tutte le mammelle, non solo quelle di alcune donne) è fatta a noduli. I gruppetti di acini che compongono la sua struttura sono raccolti a formare i cosiddetti lobuli (le formazioni più piccole) e i lobi (le formazioni più grandi costituite da più lobuli tenuti insieme dal tessuto connettivo). Quando si palpa il seno questi lobi danno appunto la sensazione di tanti noduli, che possono avere dimensioni alquanto diverse tra di loro: quello che conta è che in una mammella normale i noduli abbiano tutti la stessa consistenza.

Quando la mammella è giovane, se è piccola e magra o se il tessuto grasso è scarso, si può avere la sensazione di tante piccole palline (noduli) di varia dimensione. Se invece la mammella giovane è ricca di tessuto connettivo e tessuto grasso, la sua struttura nodulare si distingue poco. La struttura nodulare è invece molto evidente in gravidanza, perché si verifica soprattutto la crescita degli acini, che sono la sede di formazione degli elementi del latte materno. In menopausa il tessuto che forma la ghiandola va progressivamente scomparendo e al suo posto aumenta il tessuto grasso (anche i noduli ghiandolari si riducono, ma possono comparire noduli di grasso).

Quindi nel corso della vita la mammella subisce una continua trasformazione della sua struttura nodulare: ogni mese, in rapporto al ciclo ormonale, nell’arco degli anni, in funzione della fecondità e maternità.

Quanti e quali tipi di noduli esistono?

Si può dire che esistono quattro varianti di noduli mammari:
Le alterazioni cicliche. Saltuari o continuativi episodi di disfunzione ormonale possono provocare la comparsa di noduli, spesso accompagnati da una maggiore sensazione di tensione mammaria, ma destinati a regredire una volta che sia stata eliminata la causa. La stessa cosa può verificarsi nel corso di terapie ormonali.
Le alterazioni strutturali. Non rappresentano un vero stato di malattia e rientrano nel gruppo di quelle nodularità (classificate a rischio zero dal patologo) spesso dovute alle variazioni a cui va incontro la ghiandola mammaria, come tutti gli organi del corpo umano, in rapporto con l'invecchiamento dell'organo o con episodi di tipo infiammatorio o traumatico. Esse comprendono, per esempio, l’adenosi (nodo duro, piatto, di dimensioni variabili), i papillomi (nodi duri, unici o multipli, generalmente piccoli), le cisti (formazioni tondeggianti, uniche o multiple, piene di liquido, con la tipica consistenza del palloncino pieno d'acqua).
I noduli tumorali benigni. Per le loro caratteristiche possono essere diagnosticati come tali già alla semplice visita. Essi presentano contorni netti, sono mobili, hanno forma regolarmente tondeggiante o ovoidale o come più noduli tondeggianti fusi tra loro (polilobati) e si possono palpare come noduli quasi indipendenti dal tessuto ghiandolare che li circonda. La loro dimensione è assai variabile e dipende in parte dal momento in cui vengono scoperti, in parte dalla rapidità con cui crescono. A seconda della loro natura possono essere tendenzialmente duri (solidi) o molli (a contenuto liquido o a costituzione adiposa). Il più frequente di tutti i noduli solidi benigni è il fibroadenoma.
I noduli tumorali maligni. Hanno caratteristiche, in gran parte, opposte rispetto a quelle dei noduli benigni. I contorni non sono netti, poiché questi noduli infiltrano la ghiandola circostante, anche se non mancano noduli tumorali a contorni apparentemente netti (è una falsa impressione dovuta al fatto che questi hanno una consistenza notevolmente più dura della ghiandola mammaria). Sempre per la caratteristica di infiltrare la ghiandola circostante essi non sono mobili: solo nelle persone anziane, dove il tessuto ghiandolare è stato sostituito dal tessuto grasso, i noduli tumorali maligni possono dare l'impressione di essere mobili, perché circondati da tessuto molle. I noduli tumorali maligni, infine, determinano quasi sempre una retrazione della pelle, con una più o meno spiccata modificazione della forma della mammella. Esistono comunque anche casi in cui la massa tumorale è estesa e sporgente, piuttosto che retraente.
Cos'è il fibroadenoma?

Il fibroadenoma è il nodulo benigno che più frequentemente compare nella mammella femminile. Esso è tipico dell'età fertile, e soprattutto dell'età giovanile. La sua scoperta in menopausa è solo occasionale, generalmente in coincidenza della prima visita senologica e, in particolare, della prima mammografia.

In questi casi si tratta quasi sempre di fibroadenomi situati profondamente, pertanto non palpabili, presenti, ovviamente, dall'età più giovane. Essi non si formano in menopausa perché la parte della ghiandola mammaria da cui si originano, la porzione acinosa, in menopausa va in regressione e scompare.

Il fibroadenoma si manifesta come un nodulo solido, tanto più evidente quanto più è superficiale, tondeggiante, o come un gruppetto di noduli fusi tra di loro, con contorni netti (talvolta è possibile apprezzare una specie di solco tutt'intorno al nodulo), mobile (è possibile farlo muovere tra due dita), generalmente non dolente, o leggermente dolente (soprattutto durante il periodo mestruale).

Oltre al fibroadenoma tipico (che cresce lentamente o addirittura, raggiunta una certa dimensione, non cresce più), si riconoscono anche altre varietà di fibroadenoma, a seconda che cresca più o meno rapidamente e a seconda dell’età in cui si scopre (fibroadenoma gigante dell’adolescenza, fibroadenoma gigante dell’età perimenopausale, fibroadenomi multipli).

Cos'è la mastopatia fibrocistica?

La mastopatia fibrocistica è un problema diagnostico che ha coinvolto molto i medici, soprattutto chirurghi, già da tempi remoti. Diverse le interpretazioni che le sono state attribuite, tanto che è assai frequente che le donne inizino il loro colloquio con il senologo dicendo: “Io soffro di mastopatia fibrocistica da anni, per cui mi è stato detto che devo stare sotto stretto controllo”.

Attualmente questa espressione non è più accettata dai patologi, ma in passato la sua presenza costante nel tessuto ghiandolare normale delle persone operate di tumore aveva fatto nascere l’ipotesi che la mastopatia fibrocistica fosse una situazione predisponente al cancro. Solo quando si è constatato che la cosiddetta mastopatia era uno stato di tutte le mammelle, questa ipotesi è stata abbandonata.

Il corretto uso del termine nasce da uno studio condotto a Nashville su 3000 biopsie mammarie, con l’intento di verificare quali situazioni che si devono considerare “a rischio” di evolvere in cancro. Tutte le lesioni riscontrate sono state catalogate in tre gruppi:
lesioni non-proliferative;
lesioni proliferative senza atipia;
iperplasie atipiche.
Questo studio, pubblicato nel 1985, è stato ufficialmente adottato l’anno successivo come criterio guida dell’esame patologico delle biopsie mammarie. Allo stato attuale, considerato che ci vorrà molto tempo prima che il termine “mastopatia fibrocistica” non venga più usato, va puntualizzato che:
il tumore del seno e il dolore mammario non derivano dalla cosiddetta mastopatia fibrocistica;
la mastopatia fibrocistica non è una malattia (per cui è inesatto dire “Io soffro di mastopatia fibrocistica”), ma solo una fase dell’evoluzione del tessuto ghiandolare mammario e quindi la visita periodica di prevenzione non si fa per “controllare la mastopatia fibrocistica” ma per controllare il seno.
Cos’è la mastalgia?

Il dolore mammario (mastalgia) è di gran lunga il sintomo mammario che più frequentemente conduce la donna adulta alla visita senologica. La frequenza di visite richieste al senologo per il dolore mammario è dovuta al fatto che quando il dolore si protrae a lungo, l'associazione dolore-tumore si crea quasi automaticamente nella mente delle donne, nonostante da più parti si ripeta che questa associazione normalmente non esiste.

Il tipo di dolore è molto diverso da donna a donna: indolenzimento, sensazione di turgore o di ammaccatura, ipersensibilità, gonfiore localizzato, dolore come da taglio o da strappo, oppure pulsante come un ascesso, puntorio, urente, trafittivo.

Il dolore, che può essere di diversa entità, solitamente è ben sopportato, ma esistono anche casi in cui la sua gravità e persistenza ingenerano malessere, cattivo rendimento sul lavoro, insonnia, irritabilità. Per il suo andamento si riconoscono due forme di mastalgia:
La mastalgia ciclica è caratterizzata da un andamento ciclico del dolore che è soprattutto pre-mestruale (talvolta anche pre-ovulatorio), generalmente diffuso a entrambe le mammelle. La donna si lamenta di una sensazione di pesantezza come se la mammella fosse piena di latte.
Il quadrante maggiormente interessato è il super-esterno e la ghiandola è solitamente sede di piccole nodosità multiple alla palpazione, mentre la mammografia dimostra solo la presenza di una mastopatia fibrocistica.
La mastalgia non-ciclica è per lo più localizzata: il dolore interessa un'area circoscritta di una mammella e si accentua con la pressione delle dita. Tipica la mastalgia da interessamento dei nervi intercostali. È in questi casi che è importante individuarne la causa, per eliminarla (se possibile) riportando la donna a uno stato di serenità. Una mastalgia non ciclica è quella provocata da processi infiammatori, che possono essere acuti, e allora si manifestano con le caratteristiche della mastite, oppure cronici, per esempio le galattoforiti o le mastiti periduttali (quasi sempre conseguenza delle piccole infiammazioni localizzate provocate dalla suzione del latte durante l'allattamento).


A cura di Emanuele Luigi Galante
Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori, Milano

Tratto da La salute del seno
Dalla interpretazione dei sintomi alla lettura della diagnosi



CONNETTERSI IN :
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
LE PRIME MANSIONI CHE MANTENGONO LA BUONA SALUTE E BENESSERE NEL TEMPO.
(Quello che non si volle mai fare: seguire e controllare i corpi) …


LA FORMULA UNICA SINTETIZZATA: che scientificamente non fa più affaticare, invecchiare, ammalare, impazzire, incattivire ed inquinare sempre più (di conseguenze a catena, con catastrofi e similari): col rendere per forza anche i cibi avariati che non possono che aumentare i peggiori teppismi, le gravi gelosie, le vendette, il femminicidio, i kamikaze e l'altro attuale di inevitabilmente sempre più grave; facendo proprio come il già possibile FARSI EVIRARE, per non fare più venire le voglie "irregolari" e quindi il poter tranquillamente uscire di prigione.
...Aiutando nelle prevenzioni, cure, guarigioni e proprio fino al NON AMMAZZARE I CORPI PRIMA O POI a seconda delle loro debolezze genetiche al concepimento "altrettanto misteriose".
- Dalla Spazzatura Spaziale "misteriosa" si deve sapere quindi che si sporca anche dentro i corpi (come gli altri impianti).
La circoncisione riduce del 70% le anche gravi malattie anche perché vengono rimosse varie protuberanze uretrali che non servono proprio a nulla di utile "accertato anche dagli urologi" ma si riempono inevitabilmente sempre più di residui di acido urico ed altre relative scorie che si ci stagnano nei loro solchi, fermentandosi, bruciandoci e pietrificandosi; intralciando e facendo sempre più perdere l'importantissima circolazione (chiamiamola "circolazione naturale dell'urina" ma che solo alla fine scarica urina); ovvero la sola e unica causa di proprio tutti di tutti i mali ...
Anche con questa prova almeno periodicamente, occorrerebbe: allenare gli organi sessuali come previsto e ammorbidirli e pulirli dal cominciare al spalmare su essi i già esistenti prodotti anti secchezze; ad esempio (come l'ottimo prodotto "Chilly idratante neutro extra emolliente pH5 clinicamente testato").
- Nell'inserire durante il bagno i relativi amidi e sali e, a seconda delle sue minori o maggiori difficoltà raggiunte via via: immergere questi organi in un bicchiere o tazzina di plastica, strofinando dall'inguine all'intero glande o clitoride, dintorni e circuito urinario sino all'esterno dell'ano; con acqua e bicarbonato, o in circa un centimetro di acido borico, o di aceto, o di collutori anti placche (ad esempio quelli per denti), o con glicerine, qualsiasi saponi, solventi, acidi, olii e simili contenenti agenti sgrassanti, antincrostanti e disincrostanti che assorbono e distruggono completamente quei residui "non facendo male alla pelle" (prelevandoli ad esempio dai detersivi per stoviglie, dagli anticalcari per lavatrici e pulizie WC).
Proprio come si fa per lavare il bucato".
E periodicamente si dovrebbe anche spalmare su questi quindi, anche le relative pomate come l'itiolo e a volte quelle per ustioni: per lenire e scrostare tutto quel bruciato interno, "formando magari un solo prodotto che contiene i tali più prodotti in uno; "da inventare di preciso dagli appositi scienziati".
...Oltre all'inserire in questi gli appositi cosmetici, lo stesso acido borico e all'assumere i relativi integratori ricchi di aminoacidi come l'arginina e simili; per migliorare "veramente" le prestazioni delle vie urinarie, della prostata, quindi l'erezione e le altre attività sessuali (evitando proprio sino al via-gra e simili).
Se tutto il ciò non bastasse, si dovrebbe allenare, dilatare e pulire periodicamente l'uretra "che non è diritto" con le apposite sonde uretrali per rimuovere tutta la "come una guarnizione di rumenta" che si forma dall'intorno al suo canale in poi.
E all'occorrenza infine, si dovrebbe farsi effettuare un inevitabile semplice intervento chirurgico di rimozione totale di quelle inutili protuberanze uretrali: per mantenere "veramente" la buona salute nel tempo fisica, morale ed occulta; (proprio fino all'immortalità che si contiene, attualmente vissuta quotidianamente nei propri sogni) ...


* Gli altri dettagli sulla Formula Provata, Accertata e Depositata alla SIAE, al MINISTERO DELLA SALUTE e all'UFFICIO BREVETTI di Roma
Si trovano in:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
e
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Zappa Massimo.
E-MAIL:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

CELL: 3498801301

Nikname: zmassimo
INSTAGRAM, TWITTER:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
@zmassimo10).
FACEBOOK, SKYPE:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


- Translation:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Salute, medicina, cure, guarigioni, SALVEZZA ed altro generico star bene Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum




contatore di visite gratis
Besucherzähler
contatore di visite gratis



L'arrivo all'immortalità degli esseri viventi ... topic RSS feed 
Powered by