Indice del forum

Il Forum Universale

Forum con tutte le soluzioni "reali" ricercate sulla: salute, benessere, filosofia, amore, Astronomia, occulto, magie, miracoli, Religioni, arte, scoperte, cucina; informatica, lavoro, scuola, giochi, TV, sport, motori, musica, umorismo, annunci, lotterie

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum


Allarme Sanità: attenti alla malattia necheabbaia
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Salute, medicina, cure, guarigioni, SALVEZZA ed altro generico star bene
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
zmassimo

Site Admin




Sesso: Sesso:Maschio
Età: 51
Registrato: 16/01/04 09:25
Messaggi: 2207
zmassimo is offline 

Località: SAVONA
Interessi: Evidenziare nelle ricerche scientifiche, a medici e pubblico la formula che mantiene la buona salute nel tempo
Impiego: Commerciante, in attesa di occuparmi delle mie scoperte universali sulla salute e benessere
Sito web: http://www.apparenzebi...


NULL
MessaggioInviato: Mar Mar 08, 2005 1:49 am    Oggetto:  Allarme Sanità: attenti alla malattia necheabbaia
Descrizione:
Rispondi citando

La "Necheabbaia" è una strana, rara, recente malattia moderna.
Tutti e ovunque ne possiamo essere colpiti, ma è più facile contrarla nelle degenze in ospedale, nelle case di cura, e nelle cliniche.

- E' una strana, recentissima, e sempre più diffusa malattia dei nostri tempi. Non si sa perchè venga, non si sa come guarisca. Sembra solo che i soggetti più predisposti siano le donne oltre i 55 anni di età.

* In una clinica privata, convenzionata con il Servizio Sanitario Nazionale (altra, pare, causa che potrebbe predisporre a contrarre la malattia). Comfort alberghiero, ottima assistenza infermieristica e medica, tutto pareva perfetto.
All'improvviso, una paziente di una camera ha i sintomi bizzarri della malattia.
Sembrava piuttosto una nevrosi marcata, ma no! Era la "Necheabbaia"! Che fare?
Ho studiato la malattia alla ricerca di una possibile cura. Mi impegnai seriamente. In un taccuino che avevo portato con me, cominciai ad annotare tutto, ma proprio tutto ciò che la "Necheabbaia" causava alla donna con cui dividevo la camera.

Avrete da stupirvi, e forse da spaventarvi, specie se siete dei soggetti a rischio.
La donna ha cominciato col presentare una strana fobia per lo sporco. Tutte le persone, per una malata di "Necheabbaia" sono sporche, lei sola è pulita. L'ambiente che viene a contatto con le persone, è sicuramente sporco e da evitare, solo il luogo dove vive lei è pulito. Ciò, applicato al mio caso, equivaleva a due zone nella nostra camera. La sua, linda, pulita, igienizzata; la mia, naturalmente sudicia, sporca, da evitare.

Per non parlare del bagno. Una assoluta raccolta di sudiciume, ma solo dopo che me ne ero servita io. Prima di servirsi di un bagno, la malata di "Necheabbaia", provvede a disinfettare maniglie e sanitari con salviette igienizzanti, utilizzando guanti e una mascherina nel volto. Mille precauzioni erano prese nei miei confronti. Mi sembrava di essere davvero sporca e infetta. Al mattino osservai un'altro serio sintomo della "Necheabbaia".
Fu per me un vero problema! Impossibile potermi servire del bagno per i primi "impellenti" bisogni fisiologici. Lei riusciva in ogni modo ad anticiparmi in bagno, (sono abilissimi in questi trucchetti i malati di "Necheabbaia"!).
Il ritiro prevedeva, una supposta di glicerina con successivo effetto; gargarismi; pulizia approfondita del naso; ceretta depilatoria; doccia, seguente massaggio con borotalco; messa in piega con spazzola elettrica, cura della pelle del viso. Tutte queste operazioni mi erano poi descritte minuziosamente, onde io potessi capire bene che la malata di "Necheabbaia", ci tiene a precisare che stima solo le persone pulite (non so quali, dato che è pulita solo lei).

Nel frattempo, io mi esercitavo a contenere ciò che, invece, l'intestino voleva espellere.

A nulla valgono, in questi casi, le timide "bussatine" alla porta, e le supplichevoli richieste di liberare il bagno. La malata di "Necheabbaia" non sente ragioni, e questo, è il sintomo più difficile da sopportare per chi convive con il paziente.

Il momento della colazione, quello del pranzo e della cena, erano angosciati dalle lamentele tipiche dei malati di "Necheabbaia". Nessun cibo va mai bene per loro. Questo e troppo duro; questo è sfatto; questo è filaccioso; questo è molle; questo è marcio! Ma non solo. Di solito il cibo è anche mal cucinato, sicuramente di incerta provenienza, non fresco, forse, anzi sicuramente, infetto, o infettato appositamente da qualcuno. Ma chi? Chi potrebbe essere stato?

L'angoscia del ricercatore, in questo caso io, cresce. Ci si chiede se la ricerca scientifica meriti tali sacrifici. Ma poi qualcosa ci spinge ad andare avanti, con o senza aiuti. E' così che si fa un ennesimo sforzo. Si accompagna l'ammalato di "Necheabbaia" al distributore automatico di bevande calde.

Solitamente, è dimostrato, il malato di "Necheabbaia" ama infilare le monete in queste macchine automatiche, irresistibilmente. Anche fosse un elefantino che dondola con il sottofondo della colonna sonora del film "Dumbo". Non monta sull'elefantino, e si lamenta di non poterlo fare date le dimensioni ridotte dell'animale, ma non si sa ancora bene perchè, deve comunque introdurre le monetine. E' così che, forse vi immaginerete, il caffè e pessimo, il cioccolato pare che sia addirittura avvelenato dall'infermiera che ha fatto la notte, e l'innocuo cappuccino, è stato addirittura accusato di essere afrodisiaco. Per me, nonostante i buoni propositi è stato troppo. Sono fuggita con il mio caffè. Il giardino, i suoi fiori profumati, l'aria, il sole, hanno fatto si che i buoni propositi iniziali tornassero a galla.

Ma un ricercatore, spesso cammina su una strada che non sa dove lo porterà. E' così che io, salendo le scale che mi riportavano in quella fatidica stanza, non sapevo proprio nulla di ciò che avrei scoperto di lì a poco. La malata di "Necheabbaia" era sotto il letto, per il terrore di una puntura. L'ago era troppo lungo, troppo affilato. La medicina pareva troppo gialla, densa. Impossibile iniettarla! L'infermiera, con una pazienza encomiabile, cercava di convincere la paziente che era solo un inezione contro i dolori reumatici. Ma che fare? La malata di "Necheabbaia", pur avendo altre malattie, anche molto gravi, si rifiuta drasticamente di curarsi, vuole solo tornare ad essere come prima. Tale e quale, senza storie. Se i medici non ne sono capaci, lei non intende ragioni. O come prima, o nulla.
Assolutamente impotente, di fronte a tale drammatica realtà, non avevo altra scelta. Ho collaborato con due medici e tre infermiere per tentare una cattura della paziente da sotto il letto, con successiva siringa. Facile a scriversi, facile a leggersi, ma da qui a metterlo in pratica...

Fatto sta, che nella confusione di quella stanza, strascica di qui, rincorri di là, siamo stati tutti rinchiusi nel bagno. Da chi? Ma naturalmente dalla malata di "Necheabbaia". Infatti, spiegavo loro mentre eravamo rinchiusi là dentro, i malati di questa strana malattia, prima o poi devono rinchiudere qualcuno da qualche parte. Il soggetto che studiavo io, doveva essere grave. Ben 6 persone aveva rinchiuso in un colpo solo! Il caso cominciava a farsi complicato, particolarmente grave.

- Riusciremo a salvarla da una morte orrenda? - ha chiesto un'infermiera recentemente arrivata in quell'ospedale.

- Ma che dice? - ho risposto io - Non è mai morto nessuno di "Necheabbaia"!

- Davvero? - ha chiesto il primario della Reumatologia, quasi sconvolto.

- Nessuno, le assicuro. E' piuttosto il problema opposto. Pare verrà riconosciuta l'invalidità del 100%, a chi può dimostrare di avere assistito un malato di "Necheabbaia" per tre mesi di fila.

Una volta liberati dalla nostra prigionia, la povera malata di "Necheabbaia" pareva fosse sparita dall'ospedale. La mia ricerca scientifica era dunque terminata? Ma invece, inaspettatamente, la malata eccola lì. Stava simpatizzando con il giardiniere, intento a sostituire alcune piante.

Ho appena fatto in tempo a dire: - Attento!
Fatica sprecata! Un vero malato di "Necheabbaia" si riconosce in questi casi. Appena vede una persona inchinata, non resiste. Forse, i psicologi dicono, pensa di resistere, ma poi ecco! Parte un calcio nel di dietro, del povero malcapitato, lungo e profondo, di quelli che neppure i muli tirano. Il povero giardiniere è stato poi ricoverato d'urgenza, e non si sa cosa si sia potuto salvare, e cosa invece sia andato perduto per sempre.

Era troppo! Il mio taccuino era pieno di interessanti scoperte scientifiche, ho firmato e sono tornata a casa. Cosa potevo fare? Ho pensato subito di scrivere tutta la mia esperienza. Lo scopo? Consentire alla gente di avere un valido metodo per sapere se si è in procinto di ammalarsi di "Necheabbaia" o no. Come? Se siete giunti fino a questo punto del racconto, è un sicuro sintomo di assoluta mancanza di "Necheabbaia". Nessun malato di questa strana malattia, sa leggere un racconto tutto intero, qualunque esso sia. Ma d'altro canto, è anche vero, che qualcuno si è lamentato di essersi ammalato proprio dopo avere letto un racconto, non si sa quale. Ecco, se siete tra quest'ultimi, questo è un sicuro sintomo di "Necheabbaia". Vi consiglio di correre ai ripari. La cura? Pare facciano bene gli impacchi con acqua e aceto, ma non è confermato; qualcuno dice che è guarito succhiando un bastoncino di liquirizia, ma una ricercatrice come me, deve dire la verità. La "Necheabbaia" non può guarire. L'unico metodo è scoperto è praticamente impossibile applicarlo sul paziente. Ma c'è chi ha osato tanto. Non si sa bene dove, ma pare che un tale, dopo tanti anni che sopportava la moglie ammalata di "Necheabbaia", abbia preso una drastica risoluzione. Quale? Non è sopravvissuto per raccontarcelo.



Tratto da:
La casetta nel bosco
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
LE PRIME MANSIONI CHE MANTENGONO LA BUONA SALUTE E BENESSERE NEL TEMPO.
(Quello che non si volle mai fare: seguire e controllare i corpi) …


LA FORMULA UNICA SINTETIZZATA: che scientificamente non fa più affaticare, invecchiare, ammalare, impazzire, incattivire ed inquinare sempre più (di conseguenze a catena, con catastrofi e similari): col rendere per forza anche i cibi avariati che non possono che aumentare i peggiori teppismi, le gravi gelosie, le vendette, il femminicidio, i kamikaze e l'altro attuale di inevitabilmente sempre più grave; facendo proprio come il già possibile FARSI EVIRARE, per non fare più venire le voglie "irregolari" e quindi il poter tranquillamente uscire di prigione.
...Aiutando nelle prevenzioni, cure, guarigioni e proprio fino al NON AMMAZZARE I CORPI PRIMA O POI a seconda delle loro debolezze genetiche al concepimento "altrettanto misteriose".
- Dalla Spazzatura Spaziale "misteriosa" si deve sapere quindi che si sporca anche dentro i corpi (come gli altri impianti).
La circoncisione riduce del 70% le anche gravi malattie anche perché vengono rimosse varie protuberanze uretrali che non servono proprio a nulla di utile "accertato anche dagli urologi" ma si riempono inevitabilmente sempre più di residui di acido urico ed altre relative scorie che si ci stagnano nei loro solchi, fermentandosi, bruciandoci e pietrificandosi; intralciando e facendo sempre più perdere l'importantissima circolazione (chiamiamola "circolazione naturale dell'urina" ma che solo alla fine scarica urina); ovvero la sola e unica causa di proprio tutti di tutti i mali ...
Anche con questa prova almeno periodicamente, occorrerebbe: allenare gli organi sessuali come previsto e ammorbidirli e pulirli dal cominciare al spalmare su essi i già esistenti prodotti anti secchezze; ad esempio (come l'ottimo prodotto "Chilly idratante neutro extra emolliente pH5 clinicamente testato").
- Nell'inserire durante il bagno i relativi amidi e sali e, a seconda delle sue minori o maggiori difficoltà raggiunte via via: immergere questi organi in un bicchiere o tazzina di plastica, strofinando dall'inguine all'intero glande o clitoride, dintorni e circuito urinario sino all'esterno dell'ano; con acqua e bicarbonato, o in circa un centimetro di acido borico, o di aceto, o di collutori anti placche (ad esempio quelli per denti), o con glicerine, qualsiasi saponi, solventi, acidi, olii e simili contenenti agenti sgrassanti, antincrostanti e disincrostanti che assorbono e distruggono completamente quei residui "non facendo male alla pelle" (prelevandoli ad esempio dai detersivi per stoviglie, dagli anticalcari per lavatrici e pulizie WC).
Proprio come si fa per lavare il bucato".
E periodicamente si dovrebbe anche spalmare su questi quindi, anche le relative pomate come l'itiolo e a volte quelle per ustioni: per lenire e scrostare tutto quel bruciato interno, "formando magari un solo prodotto che contiene i tali più prodotti in uno; "da inventare di preciso dagli appositi scienziati".
...Oltre all'inserire in questi gli appositi cosmetici, lo stesso acido borico e all'assumere i relativi integratori ricchi di aminoacidi come l'arginina e simili; per migliorare "veramente" le prestazioni delle vie urinarie, della prostata, quindi l'erezione e le altre attività sessuali (evitando proprio sino al via-gra e simili).
Se tutto il ciò non bastasse, si dovrebbe allenare, dilatare e pulire periodicamente l'uretra "che non è diritto" con le apposite sonde uretrali per rimuovere tutta la "come una guarnizione di rumenta" che si forma dall'intorno al suo canale in poi.
E all'occorrenza infine, si dovrebbe farsi effettuare un inevitabile semplice intervento chirurgico di rimozione totale di quelle inutili protuberanze uretrali: per mantenere "veramente" la buona salute nel tempo fisica, morale ed occulta; (proprio fino all'immortalità che si contiene, attualmente vissuta quotidianamente nei propri sogni) ...


* Gli altri dettagli sulla Formula Provata, Accertata e Depositata alla SIAE, al MINISTERO DELLA SALUTE e all'UFFICIO BREVETTI di Roma
Si trovano in:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
e
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Zappa Massimo.
E-MAIL:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

CELL: 3498801301

Nikname: zmassimo
INSTAGRAM, TWITTER:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
@zmassimo10).
FACEBOOK, SKYPE:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


- Translation:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Yahoo Messenger
Adv



MessaggioInviato: Mar Mar 08, 2005 1:49 am    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Salute, medicina, cure, guarigioni, SALVEZZA ed altro generico star bene Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum




contatore di visite gratis
Besucherzähler
contatore di visite gratis



Il Forum Universale topic RSS feed 
Powered by